Comune di Chieti

Comune di Chieti

Comune di Chieti

Al servizio del cittadino

Home Notizie Sì della Giunta al riequilibrio: “Il debito negli anni è arrivato a 78.327.024,84 euro

Sì della Giunta al riequilibrio: “Il debito negli anni è arrivato a 78.327.024,84 euro


Pubblicato mar 20 aprile 2021 alle 17:35

"Il piano fotografa i conti dell’Ente e prima d’ora non si registrano tentativi per affrontare la situazione”

 

Chieti, 20 aprile 2021 – Via libera della Giunta al piano di riequilibrio finanziario pluriennale del Comune di Chieti, che giovedì 22 aprile sarà sottoposto all’approvazione del Consiglio Comunale.

 

“È una fotografia della situazione economica e finanziaria che abbiamo trovato, che traduce in cifre i debiti dell’Ente che abbiamo cominciato ad accertare non appena ci siamo insediati – così il sindaco Diego Ferrara e la Giunta - Un’attività condotta insieme alla struttura amministrativa che ha visto crescere, progressivamente al lavoro di accertamento, le cifre riportate nel piano. Oggi abbiamo una massa passiva accertata pari a 78.327.024,84 euro, di cui 47.083584,40 euro rappresentano il disavanzo di amministrazione anno 2019; ammonta a 10.240.927,65, invece, la revisione straordinaria dei residui attivi e passivi; 19.589.227,16 euro derivano dal contenzioso legale; 670.328,22 sono altri debiti fuori bilancio e 742.957,41 euro altri accantonamenti. Ebbene queste sono le cifre, sono numeri che parlano da soli e raccontano di un debito cresciuto di anno in anno e della mancanza di qualsiasi azione di ripianamento, fino a oggi.

Il piano di riequilibrio è nato per questa ragione. Non è una scelta politica o, peggio, irresponsabile, come chi ha governato prima di noi tenta di far passare: è un piano necessario, perché la città ha troppi debiti e poche alternative per affrontarli.

La possibilità offerta dall’azione di riequilibrio è quella di aprire una strada al tentativo di traghettare la città verso il risanamento dei conti, passi che consentiranno a Chieti di recuperare programmazione, vita e lo sviluppo mancato in tutti questi anni. Sarà una strada dura e faticosa, fatta di scelte spesso obbligate, perché il percorso di riequilibrio disciplinato dall’articolo 243 bis del Testo Unico degli Enti Locali, fissa dei parametri entro cui stare, soprattutto nei primi anni, ma che contiene in sé una visione di intervento sui debiti.

Le misure adottate nel piano in tal senso vedono un drastico contenimento della spesa, che va per gradi, ma sarà costante; attraverso lo spacchettamento dei contenziosi e la necessaria rimodulazione delle tariffe, che essendo già alte abbiamo contenuto, con l’intento di intaccare il meno possibile soprattutto sulle famiglie e sui contribuenti più vulnerabili, il piano si propone di recuperare parte del passivo: con la rimodulazione dell’IMU il Comune potrà recuperare 1.408.935,21 euro l’anno; dal canone unico patrimoniale 410.354,38 euro: dai parcheggi 141.894 euro; dagli impianti sportivi 40.000 euro; dalla refezione scolastica 100.000  euro; dai diritti di segreteria e urbanistica 65.300 euro e dagli oneri di urbanizzazione 29.707,50; dal programma delle alienazioni degli immobili comunali si prevede, invece, di introitare oltre 10 milioni di euro nel triennio 2021/2023, anche accentuando l’azione di recupero dei crediti tributari pregressi, azione che condurremo tenendo bene a mente la situazione economica post pandemica venendo incontro ai contribuenti nei modi possibili e consentiti.

Questo è il lavoro che ci aspetta, uno sforzo imponente, perché tale è l’attenzione richiesta da una situazione cristallizzata dagli anni di governo di centrodestra. I numeri sono chiari e parlano da soli, li temevamo sin dalla campagna elettorale, essendo stati i primi a muovere gli organismi contabili perché venissero accertati. Cristallino sarà anche il nostro impegno, perché l’obiettivo è grande e ci tocca tutti, da cittadini e da amministratori: restituire una rotta alla città”.

 


Città europea dello sport: primi passi verso la costituzione del Comitato
Sì della Giunta all’individuazione di Piazza San Giustino quale sede degli eventi estivi.
Manutenzione laghetto della Villa, stamane i primi interventi.
Il Comune al dibattito pubblico sul raddoppio ferroviario
Mobilità sostenibile, sì della Giunta a progetto integrato
Mensa, si fa il punto sul servizio
Asili nido, al via le iscrizioni per il Riccio e la volpe e il Bambi. SI PROCEDE SOLO ATTRAVERSO L’APP.
Città europea dello Sport, Chieti scrive a RCS per avere una tappa del Giro d'Italia 2025
San Giustino, grande successo la festa con la piazza ritrovata.
Cittadella della Giustizia, riunione in Comune con tutti i soggetti interessati.
Tar su delibera per risanamento Teateservizi.
Manutenzione del laghetto della Villa, al via sperimentazione a zero impatto ambientale.
IMU, aliquote invariate per il 2024
Karting in piazza Garibaldi, arriva la due giorni dedicata ai ragazzi.
Sabato mattina non si potrà entrare con le auto al cimitero, per assenza di personale a causa della festività
Tutto pronto per la Festa di San Giustino
Impianti sportivi, pronti a procedere per il Campo di Sant’Anna
Servizio civile universale, online la graduatoria
Progetto Ecad su autismo:
Chieti Solidale, utile storico.
Calcio a 5 al campetto della Villa.
Amministrazione su mensa scolastica, il servizio continua
Giornata della Scienza, la città si riempie di laboratori ed esperimenti.
Dibattito pubblico sul raddoppio ferrovia.
Il 9 e 10 maggio arriva “Cittarte”, la due giorni che unisce Comune, Ufficio scolastico provinciale e Consulta giovanile
Sì della Giunta al riequilibrio: “Il debito negli anni è arrivato a 78.327.024,84 euro
Bussola della trasparenza
Amministrazione trasparente

In questa pagina sono raccolte le informazioni che le Amministrazioni pubbliche sono tenute a pubblicare nel proprio sito internet nell’ottica della trasparenza, buona amministrazione e di prevenzione dei fenomeni della corruzione (L.69/2009, L.213/2012, Dlgs33/2013, L.190/2012).