Comune di Chieti

Comune di Chieti

Comune di Chieti

Al servizio del cittadino

Home Notizie Sì del Consiglio alla delibera sulle linee guida del piano di risanamento della società Teateservizi

Sì del Consiglio alla delibera sulle linee guida del piano di risanamento della società Teateservizi


Pubblicato lun 27 marzo 2023 alle 21:47

 Il sindaco: “Un atto dovuto il tentativo di salvataggio: per la città e per i lavoratori della in house del Comune”


Chieti, 27 marzo 2023 – Sì del Consiglio alla delibera di presa d’atto delle linee guida del piano di risanamento della società in house Teateservizi, che passa con 13 voti di maggioranza, 1 contrario e con l’uscita dall’aula della minoranza. L’atto è stato presentato dall’assessore con delega alle partecipate Enrico Raimondi che ha illustrato le scelte e le motivazioni dell’Amministrazione, anche alla luce della recente delibera della Corte dei Conti. Nella sala consiliare della Provincia, dove si è svolta la seduta, era presente anche una folta rappresentanza dei lavoratori di Teateservizi e delle sigle sindacali.

 

“Votare la delibera è solo il primo passo di un lungo e complesso percorso, perché se per più di dieci anni Teateservizi è stato il tappeto sotto cui gettare la polvere di una gestione politica e amministrativa che ha portato la società alla condizione in cui si trova oggi e di cui la città non ha avuto cognizione, oggi è necessario agire diversamente – questo ha dichiarato il sindaco Diego Ferrara prima del voto - Per questa ragione, non posso che apprezzare il lavoro di verifica che la Procura della Repubblica e la Corte dei Conti sono state chiamate a fare per mettere in trasparenza la situazione di Teateservizi, perché portare chiarezza e trasparenza è anche una mia premura e corrisponde allo spirito di quanto è stato fatto soprattutto nell’ultimo anno, quando la morsa del Covid ha consentito maggiore serenità nell’azione amministrativa ordinaria.

L’esigenza di fare chiarezza è stata sentita e voluta da tutti e si unisce, per quanto mi riguarda, alla premura di tentare un percorso che può dare un futuro alla società, ma, soprattutto, tiene conto di lavoratori per troppo tempo illusi, il cui futuro è la motivazione forte che ci spinge a provare un risanamento che ci consentirà di poter guardare i loro occhi e quelli dei loro familiari senza esitazioni o tremori, pur sapendo che nulla sarà facile anche se supereremo questo ulteriore passo. La politica in questi anni ha trattato la situazione di Teateservizi come se non fosse organica a scelte più ampie sul futuro della città. Emblematica è la denuncia alla Procura della Repubblica presentata dal mio predecessore nel 2019, come se ciò potesse bastare a salvarlo da una palese responsabilità politico-amministrativa quale guida dell’Amministrazione. E, ancora oggi, c’è chi, in età matura, non perde il vizio di mistificare i fatti sui social, facendo finta di non capire che le criticità evidenziate dalla Corte dei Conti attraverso una fotografia statica di Teateservizi, si riferiscono all’anno 2020 e al primo trimestre del 2021.

Io sono stato eletto alla guida della Città solo nell’ottobre del 2020, non a gennaio. Così come è opportuno ricordare che, nei primi mesi del 2021, in piena emergenza Covid, con il governo che aveva sospeso il dovere di pagamento dei tributi, ero io ad andare nelle assemblee di Teateservizi, per chiedere conto dei bilanci mancanti 2018-2019-2020, come si può verificare dai verbali delle sedute, sentendomi rispondere, da una governance che di certo non avevo scelto, che li avrei ottenuti, di volta in volta, all’assemblea successiva. Così purtroppo non è stato, motivo per cui ho voluto e dovuto revocare l’amministratore in carica, assumendo la responsabilità politica di una nuova governance che, a fronte di una sopraggiunta istanza di fallimento, mi ha costretto a nominare un liquidatore, Luca Di Iorio, che ringrazio, al posto di un amministratore. E valga anche ricordare che il Dott. Di iorio, in un solo anno di lavoro, ha predisposto e sottoposto all’approvazione i bilanci che mancavano, certificando, nero su bianco, un tentativo di risanamento, offrendo elementi di chiarezza della situazione di Teateservizi, iniziando un percorso che oggi si chiede da più parti in ragione della recente pronuncia della Corte dei Conti.

Il percorso di risanamento è stato avviato per mezzo di misure che sono state portate a conoscenza della Corte dei conti, con cui abbiamo cercato un contatto costante nel rispetto dei ruoli e in spirito di leale collaborazione istituzionale. La delibera di oggi ha questo come obiettivo: chiarire e risanare, perché l’auspicato risanamento non solo ha diretta incidenza sul piano di riequilibrio, tenta di cogliere l’esigenza morale di tutelare il lavoro e i lavoratori, oltre che migliorare l’efficacia e l’efficienza che la società è chiamata a dover garantire nell’interesse dei cittadini tutti.

Questo passaggio, certo difficile, ma necessario, del percorso è un pezzo essenziale della narrazione politica di questa vicenda, perché vuole spiegare alla città, nella sede del Consiglio comunale, la passione che ci ha animati tutti nel disperato, ma non folle, tentativo di evitare alla città un nuovo dissesto.

Una volta eletto, avrei avuto di certo una vita politica più semplice se avessi scelto la strada del dichiarare il dissesto, se non è accaduto è perché ho avvertito fortissimo il senso di responsabilità verso i nostri concittadini, che ne avrebbero scontato le conseguenze non solo economiche, ma anche di immagine nello scenario non solo regionale. Quello stesso senso di responsabilità mi ha spinto a chiedere sostegno al Consiglio, davanti alle persone che lavorano per Teateservizi, che non meritano difficoltà maggiori di quelle che il senso di legge e di giustizia dovrà imporre loro.

Siamo qui a guardarci in faccia e a ricordarci che tutti potremmo stare al loro posto, da un momento all’altro, perché nella vita i ruoli cambiano d’improvviso e l’empatia è un dono prezioso per la socialità e la vita pubblica, nel pieno rispetto di un corretto e coraggioso agire amministrativo”.

 


Sindaco su crisi idrica: “Riunione importante in Prefettura su superamento dell'emergenza
Comitato ristretto dei sindaci sul bilancio consuntivo 2023 della Asl
L’assessore Pantalone su San’Anna
Sì della Giunta a diverse azioni per potenziare e rimodulare i parcheggi in città.
Giovedì 13 giugno torna la Notturna città di Chieti. Conto alla rovescia per la gara.
Vignaioli in Piazza, arriva a Chieti il primo grande evento nazionale sul vino
Da lunedì al via il Torneo Lazzaroni a Piana Vincolato.
Tariffe IMU 2024
La riscossione della Tari torna al Comune, la decisione contenuta in una delibera di Giunta approvata oggi
DIORAMA FESTIVAL - CHIETI - 8 GIUGNO - INGRESSO GRATUITO
Via Buracchio, incontro con i residenti.
Cimitero. Recupero loculi cimiteriali con il ricorso alla deroga.
Ordinanza Amministrazione su emergenza acqua
A Chieti la raccolta differenziata si digitalizza con Junker, l’app che riconosce tutti i rifiuti e aiuta a valorizzarli
Abruzzo Include, riaperti i termini, domande entro il 5 giugno
A Chieti arriva il Diorama Festival: musica, arte, spettacolo e sostenibilità l’8 giugno a Villa Frigerj.
Plurinegozio, sì unanime dal Consiglio
“Donne e Sport. La lunga strada verso la parità”
Street food, show cooking, spettacoli e workshop: il confarte festival anima chieti per 3 giorni
Al Cianfarani e alla Villa l’evento dell’Esercito e dei paracadutisti della Folgore per ricordare il contributo della Divisione Nembo alla Liberazione di Chieti
Dissesto idrogeologico. Incontro con Curcio a Roma
Osl su affidamento attività di riscossione ad Ader
Lavori pubblici, Terminal, scala mobile, stazione dei bus: sarà un unico cantiere.
Dissesto idrogeologico. Online il bando per reclutare personale di supporto da altri Enti.
Città europea dello sport: primi passi verso la costituzione del Comitato
Sì del Consiglio alla delibera sulle linee guida del piano di risanamento della società Teateservizi
Bussola della trasparenza
Amministrazione trasparente

In questa pagina sono raccolte le informazioni che le Amministrazioni pubbliche sono tenute a pubblicare nel proprio sito internet nell’ottica della trasparenza, buona amministrazione e di prevenzione dei fenomeni della corruzione (L.69/2009, L.213/2012, Dlgs33/2013, L.190/2012).